Capitale della Macedonia, Salonicco è una metropoli vivace, a destra dell’Egeo; una città piena di storia anche se moderna. Possiede una larga popolazione studentesca; una passeggiata sul lungomare di sera conduce lungo file di caffè e bar, pieni di giovani.

Su un limite del lungomare trovi un’imponente statua di Alessandro Magno, la cui sorellastra diede il nome alla città. Ella era la sposa del re Cassandro che fondò la città nel 315 a. C., riunendo 25 città sotto un unico centro chiamato Terme, che già esisteva in questo luogo. Sulla strada principale di Salonicco, via Ignazia, al confine orientale del centro cittadino, trovi l’Arco di Galerio, eretto nel 313 d. C. in onore omonimo imperatore.

Quasi accanto all’Arco di Galerio puoi ammirare la Rotonda, che si pensa fosse un mausoleo per l’imperatore, sebbene non fu mai utilizzato a questo scopo. Venne invece impiegato come chiesa e moschea in tempi diversi; oggi ospita saltuariamente mostre d’arte. A breve distanza trovi il simbolo più famoso della città: la Torre Bianca, spesso raffigurata su molti poster e cartoline.

Era conosciuta la Torre Sanguinaria perché usata come prigione e luogo di esecuzione, oggi è un Museo Bizantino dal fascino eclettico. Si estende su cinque piani e raccoglie molti oggetti bizantini, inclusi mosaici, gioielli e icone. Sali fino al tetto per un bel panorama del lungomare cittadino. Il Museo Archeologico, una delle attrazioni turistiche essenziali della città, è a pochi passi da qui. Meritano una visita anche i musei minori, il Museo Etnologico e del Folclore e il Museo dei Combattenti Macedoni.

Visitare i monumenti e i musei di Roma può diventare una cosa anche molto costosa e tra l’altro alcune delle mete più turistiche sono famose sia per la loro bellezza antica che per le loro interminabili file. Ecco alcuni passaggi che ti aiuteranno a risparmiare tempo e denaro nella tua vacanza Romana..

Roma Pass è una card- turistico culturale che include in sè trasporti gratuiti per tre giorni e l’ingresso gratuito per due musei e/o siti archeologici. Dopo i primi due usi, Roma Pass dà al possessore un prezzo ridotto per le entrate negli altri musei e siti, mostre ed eventi. Potrai utilizzare questa card Roma in più di 40 monumenti, musei e siti archeologici. L’acquisto della Roma Pass lo potrai fare presso tutti i Punti Informativi Turistici a Roma tra la stazione ferroviaria e l’ aeroporto di Fiumicino, agenzie di viaggio, alberghi, Atac, biglietterie, edicole e tabaccai.

Archeologia Card La carta di archeologia, è un biglietto per sette giorni dal primo utilizzo.e consente l’ingresso al Colosseo, al Palatino, al Museo Nazionale Romano, alle Terme di Caracalla, Villa dei Quintili, e al Mausoleo di Cecilia Metella sulla Via Appia. L’acquisto di una card di archeologia può essere fatto all’ingresso di uno dei qualsiasi dei siti sopra elencati, il costo è di 23 € intero e 12€ ridotto.

L’Appia Antica Card, è valida per sette giorni dal primo utilizzo e comprende l’ingresso (una volta ciascuno) alle Terme di Caracalla, Villa dei Quintili, e il Mausoleo di Cecilia Metella. Il costo della carta è di 7,50 euro e non comprende i mezzi di trasporto. Biglietti 4 Musei. I biglietti combinati 4 musei includono un ingresso per ciascuna delle quattro Musei Nazionali di Roma (chiusi tutti i lunedì) Palazzo Altemps, Palazzo Massimo, Terme di Diocleziano, Crypta Balbi. La carta costa 8,50 euro e risulta essere valida per tre giorni. Trasporti Roma Pass. Questa specifica carta consente un numero illimitato di viaggi su autobus e metro dentro Roma, è disponibile per un giorno, tre giorni, sette giorni e un mese. La tessera deve essere convalidata solo al primo utilizzo.

Punta de Mita si trova nello stato di Nayarit presso il punto più settentrionale della baia di Banderas, dove l’Oceano Pacifico e il Mar di Cortes si incontrano. Con un breve viaggio da Puerto Vallarta arriverai alle spiagge di sabbia fine e bianca di Punta de Mita e alla sua meravigliosa barriera corallina, ideale se ami lo snorkeling e le immersioni. Ecco come pianificare al meglio un viaggio a Punta de Mita…

La stagione delle piogge è da maggio a ottobre, ma le piogge tendono ad essere brevi e solo nel tardo pomeriggio, lasciando la sera piacevolmente rinfrescata. Settembre è invece il mese peggiore per partire perchè porta i più alti livelli di umidità e vede la stagione delle piogge ancora più pesante. Entro fine ottobre, inizio novembre, le temperature sono belle fresche e l’acqua non è molto calda, ciò rende questo periodo molto economico ma sin troppo fresco.

Punta de Mita è una delle località più belle ed esclusive del Messico, e offre un’esperienza di lussuosa vacanza lontano dalla folla. Rispetto ai villaggi vicini, Punta de Mita è più sviluppato, con bar, caffetterie e ristoranti di pesce tutti lungo la spiaggia. Sulla strada parallela alla spiaggia troverai una cooperativa di servizi turistici che affitta attrezzature da snorkeling e per le immersioni e organizza spettacolari viaggi di due ore per le Las Islas Marietas un gruppo di isole molto note, questo è anche il modo più economico per avvicinarsi alle balene megattere presenti nella baia da dicembre ad aprile.

Se apprezzi gli sport acquatici questa regione è un paradiso per gli amanti dell’acqua. Vela e le immersioni subacquee sono un passatempo grande anche se il tuo livello di esperienza è piuttosto basso, la maggior parte dei luoghi dove vengono fatte le immersioni sono infatti per principianti ma se sei interessato potrai anche ricevere lezioni da istruttori qualificati.

Per quanto riguarda lo shopping non aspettarti grandi centri commerciali, anche se ci sono un paio di piazze con negozi di grande fama. Al contrario, un buon consiglio è quello di cercare il più piccolo commerciante indipendente, questi infatti molto spesso offrono oggetti di arte unica messicana. Stai attento, quando acquisti argento, che non sia l’ Alpaca messicano, una perfetta imitazione di argento a basso costo. Ricordati sempre di controllare il marchio ufficiale qualora ti dicano che è argento. Se parli un pò di spagnolo, avrai un netto vantaggio e sarai in grado di negoziare un prezzo anche molto basso.

I parchi di divertimento sono sicuramente la meta molto desiderata dai bambini perché in questi posti il divertimento è assicurato. A questoproposito ti consiglio vivamente di leggere la mia guida nella quale ti darò dei consigli molto validi per trascorrere una piacevole giornata in modo tale da evitare spiacevoli problemi.

La prima cosa che dovrai fare è quella di valutare con attenzione alla struttura dello al tipo di attrazioni offerte, ricordandoti che quest’ultime devono essere adatte all’età del bambino. Prima di prendere parte ad una attrazione, ti consiglio di accertarti delle buone condizioni di cinture, caschi e barriere di sicurezza nonché dello stato di manutenzione delle superfici, dei materiali e delle pedane metalliche che servono per accedere ai giochi.

Per quanto riguarda i giochi acquatici, è necessario che i salvagente siano in buono stato e che i tappetini si presentino integri; inoltre, le superfici attorno la piscina non devono presentare avvallamenti in cui potrebbe ristagnare l’acqua e nelle vasche deve sempre essere indicata la profondità. I giochi con cui provare emozioni forti devono necessariamente prevedere misure di sicurezza come cinture e spallacci ed il personale deve verificare caso per caso l’efficienza della chiusura e che siano della misura adatta.

Nei parchi avventura in cui si utilizzano corde, ganci e imbracature, il personale deve essere in grado di saper usare queste attrezzature, mentre se decidi di scegliere delle strutture che propongono torrentismo e rafting, è meglio indirizzare la scelta verso i centri più grandi e con esperienza alle spalle; se le attrezzature appaiono in cattivo stato è necessario farsele cambiare oltre al fatto di osservare con scrupolosità tutte le indicazioni che vengono fornite per lo svolgimento dell’attività o per l’utilizzo dell’equipaggiamento.

Per trovare i parchi più vicini è possibile vedere questo sito sui parchi divertimento su cui sono presenti recensioni.

Città maggiore del Peloponneso e terza città per grandezza della Grecia, Patrasso attrae principalmente i turisti per il suo porto, che permette l’accesso ad altre zone. Risulta essere il secondo porto dopo il dopo il Pireo, con collegamenti per l’Italia e diverse isole ioniche, come anche linee ferroviarie per Atene e autobus verso molte zone della Grecia.

Se decidi di trascorrere una notte a Patrasso, trovi molti hotel e altrettanti divertimenti per tenerti occupato per un po’ di ore. Il centro è Plateia Psila Alonia, dove caffè ambulanti ti invitano a sederti e ad assistere alla rappresentazione della vita quotidiana per le strade. Al confine a sud con il mare trovi la grande chiesa moderna in stile bizantino di Agios Andreas (Sant’Andrea).

La chiesa venne costruita nel 1979 nel punto in cui il santo subì il martirio. Ti sorprenderà trovare all’interno di essa la testa del santo, riportata a Patrasso da Roma nel 1964. La zona più attraente di Patrasso è la parte alta, intorno alle pendici dell’antica acropoli dove si trova oggi il castello. Principalmente di epoca bizantina ha subito aggiunte consecutive nel corso degli anni.

Dal castello puoi ammirare, a nord il golfo di Corinto, a sud le montagne del Peloponneso e attraverso il Mar Ionio, le isole di Zante e Cefalonia. Recandoti pochi isolati a sud dal castello, trovi l’Odeon Romano (teatro), che è stato restaurato e che oggi viene utilizzato per moderne rappresentazioni.